Chi Siamo

L’associazione nasce grazie alla passione di alcuni giovani (Marco Sangalli, Gianni Beretta, Renato Maggi e Andrea Frigerio) e all’appoggio fiducioso di alcuni genitori.

Agli inizi, tutte le energie vennero convogliate verso la pratica agonistica che doveva rappresentare giustamente l’espressione qualificata dell’associativa. Nel giro di pochI anni, infatti, sia la squadra maschile sia quella femminile raggiunsero la promozione, entrando nelle divisioni regionali.

Ma l’anno che segnò una svolta determinante fu, senza dubbio, il 1974. Fu allora che il Consiglio, grazie ad una struttura associativa ormai solida, decise di aumentare il numero delle squadre, di istituire il CENTRO DI AVVIAMENTO ALLA PALLAVOLO per i più giovani e di aprire per gli atleti e gli adulti una sezione non agonistica e ricreativa.

Queste iniziative promozionali nacquero con lo scopo di offrire un servizio sportivo più ampio e questa scelta fu il frutto di una concezione aperta dello sport che già allora la nostra associazione aveva accolto e fatto Sua. Durante questi anni, i vari Consigli che si sono alternati alla guida dell’associazione hanno sempre cercato di incrementare, qualificare l’attività e migliorare la pratica della pallavolo nella città di Lecco e nel circondario, nonostante difficoltà sempre crescenti di ordine economico e organizzativo.

Tuttavia, oggi, possiamo affermare di aver mantenuto fede ai principi su cui è fondata l’associazione”: propagandare, praticare ed incrementare l’attività pallavolistica, intesa come mezzo di formazione fisica e della persona (art. 1 dello Statuto).

Grazie all’impegno profuso dai Soci e dagli Atleti, possiamo affermare con orgoglio che i traguardi acquisiti fino ad oggi fanno ben sperare per il futuro dell’associazione, contando anche sugli sportivi Lecchesi appassionati di pallavolo che gremiscono sempre numerosi gli spalti del Palazzetto del Bione.

 

“Al nome di Alberto Picco per molteplici ragioni mi sentivo e mi sento tuttora più che mai legato, tanto è vero che nell’immediato dopoguerra con alcuni amici, fondai quel gruppo polisportivo dedicato appunto a Lui, combattente per la libertà e sportivo di razza.

Mi sia concesso un ricordo sintetico di quegli anni, allorché organizzammo, tra le altre iniziative, i tre circuiti stracittadini di moto ed il famoso raduno delle motoleggere GUZZI 65.

C’erano altre sezioni quali la pallacanestro, l’atletica leggera, il ciclismo, il pugilato. Non però la pallavolo. Per vicende sfortunate il G.S. Picco fini l’attività nel 1949.

Una quindicina di anni or sono, ecco un nuovo sodalizio, che si occupa però unicamente della pallavolo, dedicato ancora ad Alberto Picco.

La nuova associazione ha raggiunto traguardi oltremodo significativi che veramente dà lustro allo sport Lecchese.

I complimenti più sinceri vanno ai dirigenti ed ai tecnici (dal presidente Luciano Lavecchia a Francesco Sbalchiero allenatore delle promozioni) ma, sopratutto, alle giocatrici ed ai giocatori che con il loro entusiasmo e le capacità hanno dato modo all’associazione Pallavolo Picco di affermarsi in campo nazionale; le prime vincendo addirittura il campionato di serie B, i maschi vincendo il campionato di serie C approdando in serie B2 restandoci per sei anni..

Nel 1986 la squadra femminile venne festeggiata in occasione del “Giugno Lecchese” per la promozione in serie A2.

La paziente semina operata con tanta passione e spirito di sacrificio ha così dato i frutti rigogliosi onorando il nome della nostra città, in modo particolare quello dell’indimenticabile Alberto”

Renato Corbetta


Last update: 2018-10-10 16:00